Notizie | Dal CUSPI

Rapporto sugli studenti iscritti nelle Università della Provincia nell'Anno Accademico 2019/20 e laureati nel 2019.

Le Università che hanno sede in provincia sono cinque e precisamente:

Politecnico di Milano, Università Cattolica del Sacro Cuore, Università degli Studi di Pavia, Università degli Studi di Brescia ed Università degli Studi di Milano. I dati, forniti dalle Università, evidenziano il numero e le caratteristiche degli studenti iscritti e laureati e la loro provenienza.

Gli studenti iscritti nell’anno accademico 2019/20 sono complessivamente 1.747. L’università più frequentata è il Politecnico di Milano con 523 iscritti (30%), seguita dall’Università degli studi di Pavia con 477 iscritti (27%), dall’Università Cattolica del Sacro Cuore con 393 iscritti (22%) e dall’Università degli studi di Brescia con 281 iscritti (16%). Rispetto all’anno prima, nell’A.A. 2019/20 si è registrata una crescita di 155 studenti (+10%), dovuta soprattutto all’aumento delle iscrizioni ai corsi di ingegneria del Politecnico di Milano (+158 studenti).
 

Distinguendo gli iscritti per genere, risulta che i maschi sono complessivamente 906 (il 52%) e le femmine 841 (il 48%). La differenza maggiore tra i due sessi si rileva all’Università degli studi di Milano dove prevale il genere femminile (le femmine sono il 74% e i maschi il 16%) e al Politecnico di Milano, dove prevale invece il genere maschile (i maschi sono il 79% e le femmine il 21%). In generale, le ragazze preferiscono i corsi di laurea in “infermieristica”, “fisioterapia” e “assistenza sanitaria”, dell’Università degli studi di Brescia (le ragazze sono il 68% degli

iscritti) , i corsi di “infermieristica “ dell’Università degli studi di Milano (sono l’84%) e i corsi di “musicologia” e di “lettere e beni culturali” dell’Università degli studi di Pavia (sono il 60%). I ragazzi invece preferiscono i corsi di ingegneria del Politecnico di Milano (i ragazzi sono il 79% degli iscritti) e corsi di economia e scienze agrarie dell’Università Cattolica del Sacro Cuore (sono il 51%).

Gli studenti risiedono per la maggior parte in provincia di Cremona (709, il 41%) e a seguire nelle province confinanti di Brescia, Piacenza, Milano, Mantova, Lodi, Bergamo e Parma (588 in totale, il 33%). Risiedono invece in altre province d’Italia 450 studenti (il 26%). I 709 studenti cremonesi risiedono per la maggior parte nel comune di Cremona (260, il 37%) e frequentano per lo più l’Università Cattolica del Sacro Cuore (31%) e, a seguire, le Università degli Studi di Brescia, di Pavia e il Politecnico di Milano (21% ciascuna).

Gli studenti residenti fuori provincia sono 1.038. La maggior parte frequenta il Politecnico di Milano (36%) e a seguire l’Università degli studi di Pavia (31%), l’Università Cattolica del Sacro Cuore (17%), l’Università degli Studi di Brescia (13%) e solo il 3% l’Università degli Studi di Milano. Le differenze maggiori tra studenti cremonesi e non, si registrano al Politecnico di Milano dove il 72% degli studenti proviene da fuori provincia e il 28% dalla provincia e all’Università degli studi di Pavia, dove il 68% degli studenti proviene da fuori provincia e il 32% dalla provincia.

Dalle province limitrofe (Bergamo, Brescia, Lodi, Mantova Milano, Parma e Piacenza) arrivano 588 studenti, il 34% del totale. La maggior parte risiede in provincia di Brescia (211 studenti, il 36%). Gli studenti provenienti da “altre province d’Italia” sono invece 450, il 26% del totale. Gli studenti stranieri sono 123, la maggior parte dei quali frequenta il Politecnico di Milano (26%) e l’Università Cattolica del Sacro Cuore (25%). Le nazionalità straniere più rappresentate sono l’India, la Romania e l’Albania.

Nell’anno solare 2019 nelle università della provincia di Cremona si sono laureati 350 studenti, di cui 170 maschi (il 49%) e 180 femmine (il 51%). Il maggior numero di laureati proviene dall’Università Cattolica del Sacro Cuore (128, il 37%) e a seguire dall’Università degli Studi di Brescia (75, il 21%) e dall’Università degli studi di Pavia (73, il 21%).

Di seguito, la pagina per scaricare il report e tutte le tabelle open disponibili:

Cremona statistica: l'istruzione universitaria

torna all'inizio del contenuto